Ferramenta Capararo Ingrosso e dettaglio di ferramenta e utensileria

Pulizia della stufa a pellet, qualche accorgimento

Perchè è importante mantenere pulita la nostra stufa?

E’ superfluo di sottolineare l’importanza di una pulizia della stufa a pellet corretta ed efficace, perché quest’ultima ha effetti solo sull’igiene della casa e sulla salubrità dell’aria all’interno degli ambienti. Pulire accuratamente e periodicamente la stufa a pellet è forse il modo migliore per effettuare una manutenzione adeguata, che prolunghi la vita del dispositivo e prevenga danni, malfunzionamenti o guasti. Si tratta, in buona sostanza, di quella che viene definita manutenzione ordinaria, che puoi curare in autonomia senza l’intervento di un tecnico specializzato.

Quando bisogna pulire una stufa a pellet?

Per capire se è arrivato o meno il momento di pulire la stufa a pellet bisogna dare uno sguardo alla combustione, per vedere se la stufa produce molti più residui del solito. Se questo avviene, vuol dire che è arrivato il momento di pulirla e liberarla dalla cenere accumulata.

Qualche consiglio per la manutenzione ordinaria

Se la tua stufa a pellet non dispone della funzione di pulizia automatica, devi procedere in modo manuale. La prima cosa da fare è assicurarsi che la stufa sia spenta e che tutti i componenti siano freddi, dopodiché bisogna liberare la camera di combustione da tutti i residui di cenere generati dalla combustione del pellet. Il modo più pratico per procedere alla pulizia è attraverso l’impiego del bidone aspiracenere, un elettrodomestico pensato proprio per pulire le stufe a legna o a pellet, con il quale potrai aspirare la cenere senza disperderla nell’ambiente. E’ importante, inoltre, procedere alla pulizia esterna della stufa a pellet, utilizzando un panno umido, non abrasivo, evitando detergenti aggressivi che possano danneggiare la superficie e la verniciatura. Infine, ti consigliamo di acquistare solo pellet di buona qualità, chiaro, non umido, perché in questo modo non solo eviterai di produrre fumi nocivi per chi li respira, ma anche meno residui da pulire.

Pulizia straordinaria, ogni quanto farla e come

La pulizia straordinaria della stufa a pellet consiste in alcuni passaggi un po’ più ostici e complessi rispetto a quelli visti fino ad ora, effettivamente molto semplici:

  • la pulizia della camera degli scambiatori, da effettuare una volta al mese:

Lo scambiatore termico della stufa a pellet andrebbe pulito ogni mese, come accennato prima, soprattutto se si fa un uso molto intenso della stufa, cosa prevedibile in alcuni mesi dell’anno. Per alcuni modelli, però, si consiglia di procedere anche solo due volte durante l’inverno, ma dipende, appunto, dalle indicazioni della casa produttrice. Per accedere allo scambiatore è necessario estrarre il braciere in ghisa, dopodiché dovrai aspirare tutte le impurità, la fuliggine e la cenere.

  • la pulizia del condotto della cenere, una volta l’anno:

Potrebbe anche essere opportuno rivolgersi a un tecnico professionista. In questo modo ci assicuriamo che sia svolta correttamente e non dobbiamo preoccuparcene in prima persona. Vediamo i passaggi: per eseguire la pulitura dobbiamo accedere al condotto della cenere, per farlo, in alcuni casi bisogna proseguire estraendo completamente il serbatoio. Altrimenti è sufficiente aspirare o rimuovere dei residui che potrebbero ostruire il passaggio della cenere. Annualmente, bisogna anche pulire i condotti in modo da liberarli dalla fuliggine e non farli ostruire, o nel caso lo siano, liberarli. In questo modo non ostacoleranno il passaggio dei fumi.

  • la pulizia dei condotti di scarico dei gas e la canna fumaria, da effettuare una volta all’anno:

La manutenzione e la pulizia della canna fumaria deve essere effettuata secondo le indicazioni contenute nella normativa UNI 10683. Secondo quanto riportato nella normativa, la pulizia della canna fumaria deve essere svolta una volta l’anno, ed effettuata da personale qualificato e certificato, questo vuol dire che non potrai procedere in autonomia. Il nostro consiglio, quindi, è di rivolgersi sempre e solo a tecnici qualificati, in possesso di regolare licenza, in grado di emettere un certificato di conformità.

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo con gli amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *