Ferramenta Capararo Ingrosso e dettaglio di ferramenta e utensileria

Autunno alle porte: attrezzati per la raccolta dei funghi!

Perché prendere uno zaino per funghi?

Se siete dai fungaioli seri vi sarà facile rispondere: perché uno zaino da funghi è comodo e sicuro.

Prima di tutto è comodo perché non dovete tenere il cestino in mano, e quindi avete entrambe le mani e le braccia libere. E da questo discende il fatto che rende più sicure le escursioni in montagna.

I raccoglitori di funghi non stanno certo nel sentiero, e le scarpate ripide sono l’ambiente ideale per la crescita di porcini, ovoli e chiodini (anche se certe volte ho trovato di quei chiodini a bordo sentiero!). Avere la possibilità di usare i bastoncini  è davvero importante per migliorare la stabilità e fare meno fatica.

Purtroppo ogni anno, nel periodo della ricerca dei funghi, si sentono spesso brutti incidenti che vedono coinvolti i fungaioli, e se a volte dipendono dalla stanchezza, spesso le persone semplicemente cadono e si fanno male.

Le caratteristiche giuste dei migliori zaini per raccolta di funghi

Andiamo adesso a vedere quali sono le caratteristiche che dovete tenere in considerazione per scegliere il miglior zaino per funghi:

  • Avere la parte sotto forata per far cadere le spore:
    Come saprete nella maggior parte delle zone di raccolta funghi ci sono dei regolamenti che prevedono che quando si trasportano i funghi appena raccolti si deve fare in modo che le spore possano cadere liberamente nel bosco. In questo modo si favorisce la crescita di nuovi funghi, e questa è una buona cosa.
  • Avere una forma a tronco di cono rovesciato:
    L’idea è che se si hanno pochi funghi nello zaino, stando questi nella parte bassa a contatto con il fondo si muoverebbero, se il fondo fosse rovesciato. Il risultato? Funghi tutti rovinati. Il tronco di cono permette di avere una base stretta che si allarga e va bene se siete molto fortunati.
  • Materiali naturali e buona aerazione:
    Altra preferenza è quella riguardante il cesto interno rigido: meglio in vimini. Ma non è obbligatorio.
    È invece importante che lo zaino abbia una buona aerazione, magari anche da sopra.
  • Resistenza e buona realizzazione:
    Beh, non c’è molto da spiegare: gli zaini da funghi li tratti con delicatezza, ma comunque si passa nei boschi bagnati, si gira parecchio e quindi è meglio che siano buoni.

Ricordiamo che sono in vigore leggi ben definite per la raccolta dei funghi, vi invitiamo pertanto a consultare il sito della vostra provincia o regione per sicurezza!!!

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo con gli amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *